Facendo una piacevole passeggiata tra le attrazioni di Chichén Itzá in Messico , scoprirai che è una città preispanica molto speciale, poiché il suo stile architettonico presenta un’interessante fusione tra il tradizionale design Maya, con elementi di altre culture del Messico centrale. .

Nonostante sia una delle destinazioni preferite dai viaggiatori internazionali in Messico e costantemente studiata, Chichén Itzá ha ancora molti segreti da scoprire. Tuttavia, le scoperte fatte finora hanno rivelato la sua incredibile precisione astronomica e controversi rituali religiosi.

Chichén Itzá: la nostra guida di viaggio definitiva

Chichén Itzá

Le piramidi hanno tutte la stessa forma, ma le piramidi in Messico costruite dalle diverse culture Maya e Azteca in Messico hanno ciascuna le proprie peculiarità. Le piramidi delle varie città Maya sono più corte e gli esperti ritengono che questo avrebbe dovuto lasciare il posto a un tempio in cima.

Questo è anche il caso dell’area archeologica di Chichén Itzá , meglio conosciuta per la monumentale piramide di Kukulkán. Quando arrivarono nello Yucatan, i conquistadores spagnoli gli diedero il nome di “Castillo”, ed è facile capire perché. Alta 24 metri e larga 55, questa enorme struttura fu costruita nel 12 ° secolo per adorare Kukulkan, il serpente piumato e la principale divinità dei Maya, una figura equivalente a Quetzalcoatl nella cultura messicana.

La civiltà Maya aveva una grande conoscenza della matematica, della geometria e dell’astronomia, e tutta questa conoscenza era espressa nel tempio di Kukulkan. La piramide ha quattro gradini di 91 gradi ciascuno, che insieme alla piattaforma nella parte superiore del tempio si sommano a 365 giorni all’anno. L’orientamento della piramide riflette anche la precisione della conoscenza astronomica del popolo Maya: durante i solstizi estivi e invernali, il sole illumina il tempio su una diagonale perfetta. Così, due delle sue facciate sono completamente illuminate, mentre le altre due sono lasciate nella totale oscurità.

 

Sommaire

Chichén Itzá, patrimonio mondiale dell’UNESCO, è il tempio più importante della cultura Maya. Situato nello stato dello Yucatan, questo sito archeologico è il più conosciuto di tutta la Riviera Maya e accoglie circa 500.000 turisti nella sola estate. Fondata tra il 325 e il 500 d.C., il suo nome significa “Alla foce del pozzo degli Itza”, popolo Maya, e si riferisce al sacro Cenote, che i Maya consideravano come un’entrata agli Inferi. Durante il suo splendore copriva 25 chilometri quadrati.

Cosa fare a Chichén Itzá?

Il sito include una serie di monumenti da visitare.

Tempio di Kukulcan

La struttura principale di questo sito archeologico è senza dubbio la Piramide di Kukulkan (conosciuta anche come Castello di Kukulcan), nome con cui i Maya chiamavano Quetzalcoatl, il serpente piumato e la divinità più importante delle culture preispaniche del Messico. e l’America centrale. Due teste Kukulkan scolpite nella pietra sono visibili ai piedi della scala anteriore della piramide. La piramide ha 4 scale laterali, di 91 gradini ciascuna, e se aggiungiamo la piattaforma centrale ne abbiamo un totale di 365, riferiti ai 365 giorni dell’anno nel calendario Maya.

Questo tempio dedicato alla divinità Kukulcan, è l’edificio più emblematico dell’intera area archeologica. La sua architettura e lo stato di conservazione molto suggestivi, nonché le sue dimensioni, lo fanno risaltare. Come se non bastasse, ci sono effetti come l’equinozio di primavera che gli danno un tocco più sorprendente.

Ha nove livelli ed è alto 25 metri. Gli spagnoli lo chiamavano “El Castillo” perché cercavano di rendere le strutture preispaniche equivalenti a quelle europee. Questo tempio fu costruito nel XII secolo d.C., perché a quel tempo la città di Chichén Itzá raggiunse il suo massimo splendore, essendo la città più potente dell’intera penisola. E, come abbiamo già accennato, l’intera piramide rappresenta in tre dimensioni il calendario Maya. Nel luglio 2007 è stata nominata una delle nuove sette meraviglie del mondo.

Il tempio dei teschi

Conosciuto come Tzompantli, in Maya per tempio dei teschi, è una delle costruzioni più misteriose. Riceve questo nome perché l’intera riva del tempio è ricoperta di teschi di pietra. Si dice che questi teschi si riferiscano a sacrifici umani.

Il tempio dei guerrieri

Il tempio dei guerrieri ha una grande influenza tolteca nella sua costruzione. Possiamo vedere le somiglianze con Tula, in Hidalgo, per esempio. Ad esempio, gli Atlantidei e le statue di Chac Mool.
Una di queste statue di Chac Mool ha un vassoio per i sacrifici, in cui si crede che fossero posti i cuori e il sangue dei sacrificati, insieme a pulques e altre offerte.
Il tempio è circondato da colonne scolpite con figure delle battaglie o della vita quotidiana di Chichen Itza. È noto come il “Patio delle Mille Colonne” un tempo coperto, ma questo tetto non è sopravvissuto al passare del tempo.

Il Cenote Sagrado (Sacro)

I cenotes sono pozzi naturali, creati dopo il crollo di una o più grotte, e si trovano in tutta la regione della penisola dello Yucatan. I Maya li chiamavano “Tzonot”, che significa grotta con acqua, e per loro erano luoghi sacri. Lì praticavano sacrifici umani e animali, in omaggio a Kukulkan e Chaac, il dio della pioggia. Hanno anche lanciato gemme e figure in ceramica come offerte.

L’archeologo Edward Herbert Johnson trascinò e saccheggiò il Sacro Cenote tra il 1904 e il 1911, trovando oro, giada, gemme, ossa umane e animali e vendendolo illegalmente nel suo paese. La maggior parte dei pezzi è stata acquisita dal Museo Peabody negli Stati Uniti, che alla fine ha accettato di restituire metà del lotto in Messico nel 1970 e alcuni altri nel 2008.

Esistono diversi tipi di cenote: aperti, semiaperti e grotte. Il Cenote Sagrado è di tipo aperto, con un diametro di circa 60 mq e pareti alte 15 metri.

Si trova a 300 metri a nord della Piramide di Kukulkan ed è un’altra delle principali attrazioni del Centro cerimoniale di Chichen Itza, poiché questo cenote prende il nome da esso, come ho spiegato in precedenza.
C’è anche un altro cenote più piccolo a Chichen Itza, chiamato Xtoloc, che veniva utilizzato per fornire acqua alla popolazione.

Il gioco della palla

Puoi trovare rovine di grandi campi di ” Pok Ta ‘Pok “, una partita di palla in Messico e in America Centrale. Il gioco prevede il passaggio di una palla di gomma abbastanza pesante (può pesare fino a 4 chili) attraverso gli anelli di metallo su entrambi i lati del campo, usando solo l’anca. Si formarono due squadre, con i migliori guerrieri (da 2 a 5 giocatori), e si diceva che mentre giocavano rappresentassero gli dei in campo.

Prima di iniziare a giocare, i giocatori pregavano il dio Hunahpu, dio della fertilità e del gioco della palla, che secondo il Popol Vuh sarebbe stato ucciso insieme a suo fratello gemello, dopo aver perso una partita con la palla negli Inferi, e sono tornati in vita.

I campi da ballo sono stati murati e il più grande di questi campi è a Chichen Itza. È lunga 170 metri e larga 70 metri. Sulle piattaforme circostanti, i sacerdoti si sedevano e osservavano attentamente, poiché la palla non poteva cadere a terra, poiché era considerata una rappresentazione del Sole. Si ritiene che toccando gli anelli si guadagnassero punti e se fosse riuscito a superare uno degli anelli la partita sarebbe stata vinta, sebbene le regole non fossero del tutto chiare, ed erano giuste ipotesi di storici e archeologi che indagano su questo punto. Si ritiene che anche la squadra perdente sia stata sacrificata. A 2.500 anni, il gioco della palla è lo sport di squadra più antico del mondo. Se soggiorni a Mérida City quando visiti Chichen Itza, potrai assistere ad uno spettacolo incredibile che si svolge gratuitamente nel centro storico di Mérida. Questi spettacoli si svolgono ogni venerdì alle 20:00 davanti alla cattedrale.

El Caracol (La lumaca)

Conosciuto anche come l’osservatorio. Questo edificio circolare situato su una piattaforma quadrata è un osservatorio, dal quale i Maya osservavano il cielo per prevedere e pianificare le loro culture. Le sue porte e finestre sono allineate con i corpi celesti e consentivano una chiara visione del cielo. Inoltre, la scala principale punta al pianeta Venere. Nella torre principale c’è una stretta scala a chiocciola, da cui il nome.

Altri edifici

Durante la tua visita, potresti apprezzare altre strutture più piccole, come il Tempio di Venere e il Tempio delle Aquile e dei Giaguari.

C’è un’altra costruzione che gli spagnoli chiamarono Las Monjas, poiché sembra che la struttura ricordasse loro dei conventi. Si compone di tre edifici, Las Monjas e le ali est e sud-est. È decorato con incisioni del dio Chaac, il dio Maya della pioggia e del tuono, equivalente di Tlaloc nella cultura messicana.
Chichanchob, chiamata anche La Casa Colorada (la casa rossa) per via della striscia rossa che attraversa il salone, fu costruita nell’850. È l’edificio meglio conservato di quelli che circondano la piazza principale e la sua architettura corrisponde allo stile Puuc.

Durante la tua visita troverai diverse bancarelle che vendono, tra le altre cose, artigianato, vestiti e cappelli. I mestieri tipici includono figurine di giada, ambra e ossidiana, amache e abiti tipici dello Yucatan.

Visita Chichén Itzá con la guida locale Demetrio

Demetrio ha studiato archeologia Maya all’Università dello Yucatan e ha una vasta esperienza (oltre 80 visite) con turisti in aree archeologiche, cenotes sacri, città coloniali e storiche. Demetrio ti darà spiegazioni estremamente gratificanti lungo il percorso. Una vera esperienza umana!

Mauricio
MauricioEnsenada, Mexique
Read More
Demetrio et ses visites sont géniales, ma femme et moi avons visité Mérida pour la troisième fois et nous avions l'impression de n'y être jamais allés auparavant.
Carolina
CarolinaMonterrey, Mexique
Read More
La promenade est très bien planifiée, nous avons adoré les cenotes, c'était une très bonne expérience. Demetrio nous a emmenés manger de délicieux plats et nous a donné de très bonnes recommandations pour la suite du séjour.
Previous
Next

Visita Chichén Itzá con la guida locale Demetrio

Demetrio ha studiato archeologia Maya all’Università dello Yucatan e ha una vasta esperienza (oltre 80 visite) con turisti in aree archeologiche, cenotes sacri, città coloniali e storiche. Demetrio ti darà spiegazioni estremamente gratificanti lungo il percorso. Una vera esperienza umana!

Mauricio
MauricioEnsenada, Mexique
Read More
Demetrio et ses visites sont géniales, ma femme et moi avons visité Mérida pour la troisième fois et nous avions l'impression de n'y être jamais allés auparavant.
Carolina
CarolinaMonterrey, Mexique
Read More
La promenade est très bien planifiée, nous avons adoré les cenotes, c'était une très bonne expérience. Demetrio nous a emmenés manger de délicieux plats et nous a donné de très bonnes recommandations pour la suite du séjour.
Previous
Next

Uno spettacolo eccezionale al tempio di Kukulkan

I Maya sono un popolo ben noto per la loro incredibile conoscenza di matematica, geometria, astrologia, acustica e altre scienze. Prova di ciò è l’equinozio di primavera (tra il 20 e il 21 marzo) e l’equinozio d’autunno (tra il 22 e il 23 settembre).

In questi giorni, nel pomeriggio, si può vedere un’ombra a forma di serpente che striscia sui gradini del tempio. Si dice che durante questo processo il serpente piumato (Kukulkan) colleghi i cieli, la terra e gli inferi, unendo così il giorno e la notte.
Le migliaia di visitatori che ogni anno vengono ad ammirare questo fenomeno si vestono di bianco, per assorbire l’energia positiva del nuovo Sole.
In questi giorni ci saranno musica dal vivo, danze popolari e altri spettacoli.

Se non hai l’opportunità di visitare Chichen Itza in questi giorni, puoi andare allo spettacolo di luci notturne. In questo spettacolo, fanno una rappresentazione dell’equinozio con le luci; così come una narrazione della storia Maya creata con le luci riflesse sulla piramide.

“Las noches de Kukulcán”, come viene chiamato questo spettacolo, dura circa 30 minuti e il biglietto costa circa 500 pesos messicani.

Un altro fenomeno interessante che può essere apprezzato da questa piramide è il seguente: quando ti trovi di fronte a uno dei gradini e batti le mani, il suono verrà riflesso e l’eco avrà il suono di un Quetzal, un uccello considerato sacro nella cultura Maya, e le cui piume erano usate per decorare i costumi di re e sacerdoti.

Questo bellissimo uccello, rappresentante della cultura Maya, è anche l’uccello nazionale del Guatemala, dove è legato alla libertà ea bellissime leggende, come quella che racconta che prima dell’arrivo degli spagnoli, il quetzal cantava ovunque Mesoamerica, e ora tace, e non canterà mai più finché la terra non sarà di nuovo veramente libera.

Quando andare a Chichén Itzá

Il sito è aperto dal lunedì alla domenica dalle 8:00 alle 16:00. La biglietteria chiude alle 16:00

Il biglietto d’ingresso è di 202 pesos per i messicani e 481 pesos per gli stranieri. I residenti con un documento di identità dello Yucatan pagano solo $ 75.

Ci sono alcune cose da tenere a mente quando si visita Chichén Itzá. Uno di questi è che quest’area archeologica è molto visitata ogni anno. Questo è il motivo per cui dobbiamo tenere conto del fattore di righe e del numero di visitatori.

Se andiamo a Chichén Itzá in alta stagione, troveremo un’area archeologica un po ‘affollata. È meglio visitarlo in bassa stagione se si preferisce visitare l’area archeologica in tutta tranquillità. Sebbene Chichén Itzá riceva quasi sempre molti visitatori.

Come arrivare a Chichén Itzá

Il luogo più vicino a Chichén Itzá è la magica città di Valladolid, a soli 40 minuti di auto. Puoi passare una notte lì prima della tua visita e cogliere l’occasione per visitare la città e assaggiare i deliziosi piatti tipici dello Yucatan, come la cochinita pibil, i salutes, i panuchos, la zuppa di lime e molto altro.

Ma troverai anche molti autobus e gite di un giorno da Mérida, Cancun, Playa del Carmen e altri luoghi nelle vicinanze.
Il sito archeologico è aperto dalle 20:00 alle 16:00 e costa circa 200 pesos per i visitatori messicani e tra 400 e 500 pesos per i visitatori stranieri e la domenica è gratuito per i messicani previa prenotazione.

Alloggio
Ci sono molti hotel vicino a Chichen Itza; alberghi lontani dal concetto di braccialetto e hotel all-inclusive tipico della Riviera Maya. Le sistemazioni vicino a Chichen Itza vanno da sistemazioni tipo ostello a hotel grandi e lussuosi. Ce ne sono di tutti i tipi per tutti i tipi di viaggiatori e sono più utilizzati da chi viaggia da solo. Questi hotel vicino a Chichen Itza sono stati utilizzati da alcuni dei nostri lettori, viaggiatori alla ricerca di alloggi economici ma di qualità e che evitano le località costiere che offrono trasferimenti e visite guidate a Chichen Itza e nelle aree circostanti.

Se desideri soggiornare direttamente a Chichen Itza, sono disponibili diverse opzioni : 

  • L’hotel tropicale “Villas Arqueológicas de Chichen Itzá”, circondato da giardini ea soli 11 minuti a piedi dalla piramide di Kukulkán. La sua architettura è coloniale e la sua decorazione rustica. Dispone di piscina, spa e ristorante.
  • L ‘”Hacienda Chichen Resort” è un lussuoso resort in stile coloniale, anch’esso situato a pochi minuti dall’ingresso di Chichen Itza. Un po ‘più in là, ma molto più economici, sono gli hotel “El hotel casa de las Lunas” e “Hotel Chichen Itzá”.

Dove mangiare a Chichén Itzá

Il posto più facile da trovare è il piccolo ristorante all’ingresso delle piramidi chiamato Oxtun, ottimo per riposare e mangiare a Chichen Itza dopo aver visitato il luogo senza doversi muovere.

Cosa vedere vicino a Chichen Itza

Valladolid

A soli 40 minuti da Chichen Itza si trova Valladolid, che è stata nominata Magic City nel 2012, e merita una visita, passeggiando per le sue strade acciottolate e vedendo le sue facciate coloniali del XVI secolo. Il viale principale si chiama La Calzada de los Frailes, dove si può fare una piacevole passeggiata. È inoltre possibile visitare il Convento di San Bernardino a Siena. La Casa dei Cervi è una residenza privata, dove i suoi proprietari aprono le loro porte ai visitatori per apprezzare una collezione di arte popolare messicana che conta più di tremila pezzi. Possiede anche un’area archeologica di circa 15 chilometri quadrati, chiamata EK Balam, che significa “il giaguaro nero”. È inoltre possibile visitare i suoi magnifici cenotes, come Cenote Zací, caratterizzato dai suoi toni verdastri e una profondità di 80 metri; Cenote Samula, un piccolo cenote con acque completamente cristalline e Cenote X’kekén o Dzinup, in una grotta e con una varietà di profondità, quindi è adatto a tutta la famiglia. Come accennavo prima, Valladolid è un luogo perfetto per gustare la gastronomia yucatan, o semplicemente per mangiare una tipica marchesa nella piazza principale: baccelli ripieni di formaggio olandese, che puoi completare con altri ingredienti di tua scelta. scelte come marmellata, cajeta, Nutella, latte, ecc. Questo tipico panino dello Yucatan ha 77 anni di storia ed è davvero delizioso.

IK’ KIL

Il cenote più famoso della penisola dello Yucatan, Ik’Kil, si trova a pochi minuti dal centro archeologico ed è una tappa fondamentale durante la tua visita in questa regione. Chiamato anche Cenote Sagrado Azul, ha un diametro di 60 metri e una profondità di 43 metri. È aperto dalle 9:00 alle 17:00 e l’ingresso costa solo 80 pesos messicani.

Hai domande sulla visita alle rovine in Messico? Stai programmando un viaggio? Scrivi negli Stati Uniti!

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest

Explorez le Chiapas un email à la fois. Recevez la newsletter d'Alma de Chiapas directement par email.

AUTRES ARTICLES